google-site-verification: googlebc897719c65f55ea.html

Presto sarò Mamma : cosa dovrei sapere per proteggere il sorriso del mio bambino?


La maternità è un momento vissuto sempre con maggiore consapevolezza; questo porta le donne ad essere molto preparate ma anche più esigenti, verso se stesse, per offrire il meglio al proprio bambino.

Una delle domande che vengono poste sovente al Pedodonzista (Dentista Pediatrico) è: fluoro “si” o fluoro “no” per la donna in gravidanza? L’argomento è dibattuto, c’è chi dice che, soprattutto nelle zone in cui l’acqua potabile non è ricca di fluoro, assumere un milligrammo al giorno di fluoro quando si è gravide, possa rinforzare lo smalto dei denti da latte (quello che inizia a formarsi a partire dal terzo mese di gravidanza). Dopo la nascita somministrarlo al bambino (a partire dal quarto-sesto mese di vita) può aiutare a rinforzare lo smalto dei denti definitivi (ma può funzionare altrettanto bene applicarlo in gel, sui denti già nati).

Un punto importante e' evitare di acquisire abitudini scorrette (“devastante” quella di dare il ciuccio bagnato nel miele o zucchero). Importante anche somministrare il numero di pasti necessari al bambino ma non alimentarlo continuamente, soprattutto da quando spunteranno i primi dentini. Il nostro organismo ha la capacità, attraverso la saliva, di contrastare 5 attacchi acidi (quelli che si verificano dopo aver assunto qualunque alimento diverso dall’acqua) al giorno. Al di sopra di questo numero la formazione di carie diviene più probabile.

Quando iniziare a lavare i dentini? Il consiglio è di iniziare non appena spuntano, facendo entrare nella routine quotidiana (anche attraverso l’esempio dei genitori…). Chiaro che si inizierà passando semplicemente lo spazzolino sui dentini poi, quando il bambino imparerà a “sciacquarsi e sputare”, si introdurrà il primo dentifricio per bambini.

Quando si inizia a lavarsi i denti “da soli”? il movimento corretto dello spazzolamento non è semplicissimo, occorre una certa manualità, corrispondente a quando il bambino sa scrivere bene in corsivo. Tra la seconda e la terza elementare il bambino potrà essere in grado di fare tutto da solo. È comunque importante che “ci provi” fin da piccolissimo ma, alla fine, un “grande” dovrà aiutarlo a completare bene “il lavoro”.

Dai sei-sette anni potrà essere introdotto un dentifricio ad alto contenuto di fluoro, per rinforzare lo smalto.

Quando la prima visita dal dentista? Ovviamente devono essere presenti “un po’ di denti”… quello che molti dentisti pediatrici consigliano è di fare un primo “incontro di conoscenza” fra bambino e dentista, intorno al diciottesimo mese di vita. Presentare al bambino il “dottore dei denti”, soprattutto se per un controllo e non per un problema, gli consentirà di avere un rapporto positivo con lui e di vivere i futuri incontri (che siano per controlli o per una terapia) senza provare ansia.

Come preparare il bambino alla prima visita dal dentista? È importante parlarne con lui senza dare eccessiva importanza a questo evento, così come si va dal pediatra si dovrebbe andare dal dentista.

Che cibi evitare? Non esistono cibi “assolutamente controindicati” o altri “assolutamente consigliati”, dipende dalle dosi ma, ancora di più, dalla frequenza con cui vengono assunti. Sicuramente abituarsi a bere bibite zuccherate al posto dell’acqua (quindi anche più volte al giorno) espone il bambino ad ulteriori attacchi acidi che favoriscono la carie (oltre a non essere una abitudine sana dal punto di vista nutrizionale …).

Anche i cibi molto appiccicosi (quindi più difficili da staccare “naturalmente” con l’azione di lingua e saliva) sono più cariogeni.

A che età togliere il ciuccio? Non esiste una età precisa, certo sarebbe bene perdere questo vizio prima possibile, ma attenzione a che non venga sostituito dal pollice (più difficile da “far sparire”…). In certi casi il ciuccio è una necessità per il bimbo, dovuta a una mal posizione dei denti (spesso causata da problemi di respirazione). Sotto consiglio del dentista pediatrico è possibile arrivare a eliminare il “ciuccio” passando attraverso diversi modelli dall’istmo sempre più sottile che aiutino il bambino a riportare spontaneamente i denti in una posizione più corretta (senza dover usare, in questa fase, degli “apparecchi per raddrizzare i denti”.).